I libri sono stati illustrati da un grande designer e acquarellista, Giancarlo Iliprandi, dotato, come lui ebbe a dire dei pittori d’epoca preistorica sahariani, “di un certo incantesimo nelle dita“.